Contro il Livorno si spera nel ritorno di Figueroa

Un po’ Argentina, un po’ Uruguay. Tanto Sudamerica insomma ad infarcire la domenica del Genoa. Contro il Livorno ci sono in palio punti pesanti così come sono spessi i sentimenti in ballo. Lucho Figueroa, infatti, potrebbe giocare finalmente in una partita ufficiale dopo quasi due anni di inattività, dopo mesi di sofferenza in cui ha pure pensato di smettere col calcio. Il puntero gaucho dal volto gentile a Lugano invece ha ritrovato sorriso e voglia di vincere la scommessa. Un gol da standing ovation ed ora Gasperini potrebbe anche regalargli il ritorno in campo. Molto dipende dalle condizioni di Borriello alle prese con problemi muscolari in via di guarigione ma tant’è qualche dubbio rimane e allora Figueroa è in lista d’attesa. Borriello comunque domani dovrebbe rientrare in gruppo. L’ultima decisione spetterà a Gasperini.Chi sarà presente con tutto il suo carico di ricordi e di simpatia sarà Pato Aguilera. Sbarca oggi dalla crociera rossoblù dove è stato indiscusso mattatore e sarà allo stadio di Marassi dove ritroverà il suo Grifone e pure il suo ex presidente Aldo Spinelli. Un mix di emozioni se si guarda indietro rivedendo i gol del Pato, ben 45 e 114 presenze. Tempi belli, della Coppa Uefa e soprattutto della serie A riconquistata ora. Una domenica speciale dove però per Rossi e compagni sarà vietato sbagliare contro la formazione di Orsi allenatore già in odore di esonero dovesse il Livorno uscire battuto. Gasperini per questa sfida non recupera solo Figueroa, ma pure Bovo. Anche per il difensore sembra essere finito il calvario fisico che ne ha frenato la preparazione. Ed anche per Coppola sono giornate decisive. Il Genoa si sta ritrovando per scacciare paure e traumi post-Milan. Perplessità che almeno nei numeri non sembrano avere i tifosi che hanno tempo fino a venerdì per abbonarsi. E le tessere acquistate hanno superato quota 21.400.