Contro il mieloma multiplo nasce l'«Associazione Carlo Romano»

I primi fondi raccolti dall'associazione, nata in ricordo del medico scomparso, sono destinati alla ricercatrice Irma Airoldi, responsabile del Laboratorio Immunologia e Tumori dell'Istituto Gaslini di Genova

Nasce l'«Associazione Carlo Romano» per il sostegno alla ricerca sul mieloma multiplo», presentata in una serata di beneficenza al Circolo Montecitorio di Roma.
Si tratta di un'associazione nata per ricordare la figura di Carlo Romano, un medico «speciale» scomparso a novembre a causa del mieloma multiplo con il quale combatteva da tanti anni.
Proprio il sostegno della ricerca contro questo terribile male è l'obiettivo che si pone l'associazione, presieduta dalla moglie di Carlo, Tiziana Cini e dai figli Riccardo e Michele e formata nel suo ricordo da un gruppo di amici.
Nel corso della serata, presentata da Livia Azzariti, saranno consegnati i primi fondi raccolti in questi mesi ad una delle migliori ricercatrici del settore: la dottoressa Irma Airoldi, responsabile del Laboratorio Immunologia e Tumori finanziato dall'Associazione Italiana Ricerca sul Cancro (AIRC) dell'Istituto G. Gaslini di Genova, che illustrerà lo stato attuale della lotta al mieloma multiplo .
Medico del lavoro e audiologo al Policlinico Gemelli, docente presso la Facoltà di medicina dell' Università Cattolica, coordinatore del Servizio medico della Camera e responsabile del Servizio di Medicina del lavoro dello Stato Città del Vaticano, Carlo Romano sarà ricordato dall'Archiatra pontificio, il professor Patrizio Polisca; dal cappellano della Camera, il vescovo Lorenzo Leuzzi; dal presidente del Circolo di Montecitorio, il consigliere di Stato Claudio Boccia e dal suo fraterno amico e collega Giuseppe De Luca.
Tra le centinaia di ospiti che hanno confermato la loro partecipazione, ci sono il questore della Camera Antonio Mazzocchi ; il Capo della Polizia Antonio Manganelli; il sottosegretario agli Esteri Marta Dassù; il Segretario Generale dell'Avvocatura di Stato Gabriella Palmieri Sandulli; il Presidente della Banca di Credito Cooperativo di Roma Francesco Liberati; il Presidente di Banca Sviluppo Enrico Falcone; il Presidente di Sezione del Consiglio di Stato Sergio Santoro e il Capo dell'Avvocatura della Camera Vito Cozzoli.