Contro gli sbarchi incontrollati solo propaganda e commissioni inutili

Non so perché, ma dopo i delitti di Brescia ad opera di extracomunitari e il giorno dopo l'assassinio della povera Elena Lonati è stato ritrovato per la strada, sempre a Brescia, un pakistano ucciso a coltellate durante una rissa notturna fra compatrioti. Solo una rete tv ne ha dato notizia, mentre c'è stato silenzio da tutte le altre. Forse è passato l'ordine di minimizzare e nascondere tutto ciò che riguarda i problemi creati da questa immigrazione clandestina incontrollabile.
Il governo, con un gran polverone propagandistico degno di miglior causa, ha offerto all'opinione pubblica spaventata e allarmata i soliti pannicelli caldi che assolutamente non risolveranno alcun problema, se non quello delle ricche prebende corrisposte ai componenti delle solite commissioni create ad hoc. Meno male che dovevano ridurle per questione di bilancio e di risparmio.
Non ho capito perché lo chiamano contrasto all'immigrazione clandestina e poi corrono loro incontro per favorirne un arrivo certo e sicuro. Intanto i costi salgono alle stelle e le Regioni, quasi tutte, devono fare tagli alla sanità.
I.Alibeni - Recco(Ge)