Il contro-sbarco col chador

Dei clandestini, ne ha fin sopra i capelli. Anzi, ne ha fin sopra il chador. Dopo i 325 immigrati sbarcati sulle coste di Lampedusa, la vice sindaco dell’isola Angela Maraventano - con in testa il velo islamico - si è piazzata sulla banchina del porto e ha chiesto un passaggio alla Capitaneria e ai pescatori per andare in Libia a protestare. Una specie di «sbarco» al contrario, dato che molti dei barconi che trasportano disperati a Lampedusa provengono da Tripoli. Insomma, meridionalissima e leghista, la senatrice del Carroccio Maraventano progetta una nuova Crociata contro il Saladino Gheddafi. Ma il passaggio per la Libia non gliel’hanno dato nemmeno col pedalò: sai mai che da quelle parti qualcuno si ricordi ancora le magliette di Calderoli...