Contro-spot dei cristiani Si inizia da Londra

La loro intenzione non è certo quella di lanciare una sfida ai genovesi, né tantomeno di suggerire la linea da seguire, ma dai cristiani inglesi arriva la risposta alle pubblicità atee sugli autobus. Proprio a Londra era stata lanciata l’iniziativa che propagandava la non esistenza di Dio e che in Italia è stata importata a Genova, grazie all’acquisto degli spazi pubblicitari sugli autobus Amt da parte dell’Unione Atei Agnostici Razionalisti. Il clamore suscitato dall’iniziativa, che a detta degli stessi artefici aveva scelto la città della Lanterna proprio per «colpire» il cardinale Bagnasco che è anche presidente della Cei, aveva portato alla revisione dello slogan in modo che diventasse meno oltraggioso nei confronti dei credenti. La pubblicità degli atei, comunque arriverà presto sugli autobus genovesi, così come era stata accolta su quelli di Londra.
Dall’Inghilterra però arriva anche la replica dei credenti, visto che il partito cristiano ha comprato alcuni pannelli sui tipici «double deck» rossi di Londra per invitare la popolazione ad avere fede. I cristiani hanno versato 15.000 sterline (17.147 euro) per acquistare spazi pubblicitari sui bus e affermare con slogan e cartelli dai colori sgargianti - rosa, rosso e arancione - che «Senza dubbio esiste un Dio. Venite nel partito cristiano per approfittare della vita». Sui bus saliranno altri due slogan carichi di ottimismo: «Dio esiste, abbi fede. Non ti preoccupare e goditi la vita» e il versetto del salmo 53 «Lo stolto pensa che Dio non esiste».