Contro Tremonti una fronda interna al Pdl: "Deludente, il nostro voto non è scontato"

"Ora aspettiamo il decreto. Con una
sola avvertenza. Il nostro voto parlamentare non è affatto
scontato". E' l’avvertimento lanciato da Giorgio Stracquadanio, Guido Crosetto, Lucio Malan e
Isabella Bertolini che hanno bocciato Tremonti: "Discorso a dir poco deludente"

Roma - "Ora aspettiamo il decreto. Con una sola avvertenza. Il nostro voto parlamentare non è affatto scontato". E' l’avvertimento lanciato da quattro parlamentari del Pdl (Giorgio Stracquadanio, Guido Crosetto, Lucio Malan e Isabella Bertolini) che hanno diffuso un comunicato congiunto intitolato: "Tremonti a dir poco deludente". Anche i parlamentaridi Forza del Sud, il movimento che fa capo a Gianfranco Miccichè, fanno sapee che non voteranno mai contro il Meridione: "Abbiamo ascoltato Tremonti e siamo rimasti fortemente perplessi dai discorsi poco chiari".

L'attacco a Tremonti "L’esposizione del ministro Tremonti, che ha anteposto il tema del vincolo costituzionale al pareggio di bilancio alle misure per raggiungere lo zero deficit nel 2013 - sottolineano i quattro parlamentari - ci aveva fatto credere che il ministro avrebbe colto l’occasione della crisi per essere all’altezza di quello che Tremonti ha definito 'un tornante della storia'. Ci aspettavamo che il ministro - il quale ha espresso il suo favore per la proposta di riforma dell’articolo 81 presentata da Nicola Rossi - fosse conseguente alle sue parole. Nella proposta di Nicola Rossi è contenuta una percentuale, il 45%, che rappresenta il limite massimo di spesa pubblica in rapporto al Pil e quindi il limite massimo della complessiva tassazione. Oggi quella percentuale è al 52% e dunque un ministro conseguente alle premesse costituzionali esposte avrebbe dovuto indicare la strada per ridurre di almeno sette punti la spesa pubblica. E su questo il Parlamento avrebbe dovuto discutere. Invece, niente. Quando il ministro è passato a indicare come raggiungere il pareggio di bilancio nel 2013 è tornato rapidamente al vecchio metodo: come finanziare il deficit con entrate straordinarie, proseguendo in quella politica che ha alimentato il mostro del debito pubblico che oggi ci sta distruggendo. La crisi può essere occasione per far approvare la riforma della spesa previdenziale, della spesa sanitaria, del costo esorbitante della pubblica amministrazione. Oppure può essere il vicolo cieco in cui classi dirigenti irresponsabili condannano i loro paesi al declino e all’impoverimento diffuso. A parziale scusante del ministro - concludono - c’è solo il fatto che tutte le opposizioni, nessuna esclusa, sono convinte che la crisi vada affrontata con la solita ricetta: tasse, tasse e ancora tasse".

Anche Forza Sud frena i parlamentari "Quand’anche i discorsi debbano restare poco chiari, sia chiara tuttavia una cosa: non voteremo mai qualcosa che danneggia il Sud", sottolineano i parlamentari di Forza del Sud, Mario Ferrara, Pippo Fallica e Salvo Fleres. "La strada maestra da percorrere è quella delle riforme strutturali del sistema Paese". Ferrara è vicepresidente della commissione Finanze e Tesoro del Senato, Fallica è invece componente della commissione Bilancio di Montecitorio, mentre Salvo Fleres è componente della commissione Bilancio del Senato. "L’era dei palliativi è terminata - aggiungono - Bisogna investire sul cambiamento e mettere nelle condizioni il Sud di potere competere con il resto dell’Europa. Questo significa sciogliere i lacci e i laccioli abilmente tessuti da una burocrazia opprimente e dotare il nostro territorio di una rete infrastrutturale degna di questo nome. Forza del Sud su questo sarà intransigente".