Controlli del Fisco a Milano:"Incassi maggiori del 44%"Bocchino: i blitz mi divertono

Una media di incassi del 44% in più rispetto al sabato precedente. Sono questi i risultati forniti dall'Agenzia delle entrate, dopo il blitz di sabato scorso nei locali della movida

Una media di incassi del 44% in più rispetto al sabato precedente. E' questo il dato rilevato dai funzionari del Fisco, dopo il blitz di sabato scorso effettuati da oltre 400 agenti in 115 locali della movia milanese. 

L’Agenzia delle Entrate ha diffuso i risultati ufficiali dell’operazione, evidenziando ricavi maggiori rispetto a quelli consueti. Un caso emblematico: in un esercizio l'incasso è aumentato di oltre il 200%. Inoltre, in 55 esercizi sono state riscontrate diverse irregolarità relative al mancato aggiornamento dei registri dei corrispettivi, alle emissioni degli scontrini fiscali, alle incongruità con le dichiarazioni presentate ai fini degli studi di settore (per esempio, numero dei beni strumentali comunicati: tavoli, sedie, grandi elettrodomestici). Infine, in 33 locali sono stati riscontrati 116 lavoratori in nero.

"I controlli hanno riguardato 115 esercizi (fra ristoranti, discoteche e bar) situati nelle zone della città maggiormente frequentate il sabato sera. Si va da Corso Como, a Brera, passando per San Babila, Corso Sempione, Via Manzoni, Piazza Wagner, Navigli, Molino delle Armi. La selezione della zone e degli esercizi in cui effettuare i controlli, è il frutto di una scrupolosa pianificazione e di un’attenta analisi del territorio", si legge nella nota dell'Agenzia delle Entrate. 

"Sono soddisfatto di come l’operazione è stata condotta soprattutto perché ci sono stati rivolti apprezzamenti per la professionalità dei nostri funzionari da parte degli stessi titolari dei locali. In ogni caso, per quanto ci riguarda si tratta di un’operazione che rientra fra quelle programmate per mantenere un elevato presidio del territorio. Credo che la maggior parte dei commercianti apprezzi tali iniziative in quanto è ben consapevole dell’effetto distorsivo della concorrenza che viene causato da chi non rispetta gli obblighi di legge", ha dichiarato Carlo Palumbo, Direttore Regionale dell’Agenzia delle Entrate della Lombardia

E sui blitz a Cortina e a Milano, si è espresso il vicepresidente di Futuro e Libertà, Italo Bocchino che, ospite di "Un giorno da pecora" su Radio2, ha detto: "Meno male che ci sono, finalmente. Mi divertono molto. Tanto chi non ha nulla da temere può stare tranquillo".