«Controlli per smascherare i furbi»

Del problema si deve occupare Edoardo Croci, nuovo assessore comunale ai Trasporti. In città ci sono 17mila pass per disabili ma sono altrettanti gli «usi impropri», figli e nipoti di persone handicappate che circolano con il permesso senza il titolare. I vigili raccontano che quando muore la persona a cui è intestato il contrassegno, nessuno lo restituisce. Nel 2002 l’assessore Goggi intervenne con un giro di vite cancellando tremila permessi, la risposta data dai parenti che custodivano il pass fu: «Non sapevo di doverlo consegnare».
Cosa ne pensa, assessore Croci?
«È un abuso gravissimo che porta con sé un doppio danno. Ai cittadini ma anche ai disabili che in questo modo sono penalizzati perché i loro parcheggi sono occupati da automobilisti senza titolo».
Cosa pensa di fare?
«Ci vuole più severità. Il Comune dovrà svolgere controlli sistematici, rivedere periodicamente i criteri di assegnazione. Farò fare presto un’indagine. Ma credo anche che non sia un problema solo di Milano...».
Il fenomeno potrebbe ridursi togliendo punti dalla patente ai colpevoli?
«Penso di sì, ma è un provvedimento che deve prendere il governo. Sarebbe importante che le varie amministrazioni italiane “facessero asse”, ossia si unissero per richiedere una regola sensata».