Una coop emiliana mette gli occhi su Cornigliano

Una cooperativa emiliana sbarca a Genova e mette gli occhi sulle più pregiate aree cittadine. La Cooperativa Orion di Reggio Emilia ha infatti siglato un accordo con la Conister, il consorzio di imprese della Cna, con l’obiettivo di creare sinergie comuni su Genova e tutta la Liguria nel settore dei lavori pubblici, servizi integrati e nella finanza di progetto. Ampie le prospettive di cooperazione tra Conister e Orion, tra le aree di interesse Prato Zanino e la bonifica dell’area di Cornigliano. Ma tutto per ora resta solo a livello di ideali. A precise domande non sono arrivate altrettante precise risposte su progetti concreti. Resta solo l’arrivo di una cooperativa emiliana con l’interesse per due aree molto ambite. Oddo Torelli, presidente dell’Orion, si «giustifica» subito dicendo che bisogna «abbandonare la visione dello straniero che invade la città, si tratterebbe piuttosto di un modo di lavorare comune dove l’Orion è chiamata ad assolvere i compiti gestionali, mentre tutta la parte pratica spetterebbe alle imprese liguri».
Il Conister da parte sua «presenta» il partner emiliano dicendo che le imprese liguri sono poco disposte a rischiare negli investimenti e proprio per questo motivo il consorzio si è visto costretto a rivolgersi all’esterno. L’accordo prevede il crearsi di volta in volta di specifiche associazioni temporanee di imprese tra consorzio e cooperative in modo da soddisfare le richieste di appalto coinvolgendo il maggior numero possibile di imprese liguri. Obiettivo della Conister, spiega il suo presidente Massimo Giacchetta, è far aderire al consorzio le imprese locali in modo da beneficiare di un aumento di commesse e quindi di un lavoro sicuro e a lungo termine che garantirebbe a queste piccole realtà la sopravvivenza su un mercato ormai in crisi.