La Coop più nota dagli anni d’oro al crac milionario

Era il 1974 quando nacque Coopcostruttori, per effetto della fusione della cooperativa «Terra e lavoro», istituita subito dopo la fine della guerra nel luglio 1945, con altre piccole aziende della zona. Fu un’iniziativa voluta dal Pci che all’epoca tendeva a concentrare le vecchie coop.
Gli organici. Negli anni ’70 i dipendenti della Coopcostruttori erano 274; col tempo si ingrandì fino ai 1600 dipendenti nel ’91, mesi in cui la bufera di Tangentopoli travolse Donigaglia che finì addirittura dietro le sbarre. Nel 2002 gli organici erano saliti a 2300 persone.
I conti. Quando Coopcostruttori finì nell’occhio del ciclone trascinandosi dietro un buco da 1.075 milioni di euro, i creditori privilegiati (banche, lavoratori, professionisti) vantarono risarcimenti per 198 milioni di euro. Ad essi si aggiungono i cosiddetti «creditori chirografari» che invece rischiano di non vedere un centesimo di quelle fatture inevase per 137 milioni di euro e cambiali per altri 63 milioni. A completare il quadro ci sono i soci sovventori, cioè singoli cittadini, che hanno investito 80 milioni del loro denaro in libretti di deposito e azioni.