Copasir Briguglio entra ed esce dalla commissione sugli 007

Il Copasir perde pezzi, anzi no. L’organismo che deve vigilare sui nostri servizi segreti è una vittima dell’ammuina terzopolista. Sulla scrivania del suo presidente Massimo D’Alema sono arrivate non una ma due lettere di dimissioni: quella del finiano Carmelo Briguglio, che ha lasciato perché eletto in quota maggioranza (mentre da martedì è all’opposizione) e - un po’ a sorpresa - quella del dipietrista Francesco Caforio. E qui l’alchimia fa girare la testa. Da sei a quattro per l’opposizione si è tornati a un onorevole pareggio. Con l’ingresso di un esponente Pdl la maggioranza sarà a posto, mentre nell’opposizione i pesi e gli equilibri sono tutti da rivedere, visto che il Pd pesa per tre, Idv e Api uno ciascuno. Niente per la strana coppia Fli-Udc? Dunque Caforio si è immolato per far posto a un esponente terzopolista Il toto scommesse di Palazzo recita: il prescelto di Fli-Udc sarà Carmelo Briguglio. Uscito dalla porta della maggioranza, rientrerà dalla finestra dell’opposizione. Quando si tratta di poltrone...