Coppa Uefa: passano Palermo, Livorno e Parma. Esce il Chievo

Un giovedì da ricordare per le squadre italiane impegnate nella coppa Uefa. Quattro vittorie e tre qualificazioni, solo il Chievo non ce la fa ad arrivare al secondo turno. Nel pomeriggio il Parma supera al Tardini il Rubin Karzan grazie ad un bel colpo di testa del giovane Paponi, diciotto anni di furbizia. Pioli manda in campo una squadra di giovani talenti, che ripagano con una prestazione tatticamente ineccepibile la fiducia concessa dal proprio tecnico.
Il Livorno espugna lo stadio del Pashing con un bel diagonale dell’ivoriano Bakayoko. Una gara certamente non bella, ma toscani dimostrano quel cinismo necessario per andare avanti in Europa. Prima della gara vi sono stati degli scontri tra i tifosi italiani e i sostenitori della compagine austriaca.
La gara del Chievo è la più intensa. Una rete per tempo (Tiribocchi nel primo, Godeas nella ripresa) trascinano la sfida ai supplementari. Le due squadre si affrontano a viso aperto nei supplementari, ma sono i portoghesi a realizzare il gol qualificazione grazie a Wender.
È del Palermo l’impresa della giornata: una doppietta del brasiliano Fabio Simplicio e una rete di Di Michele regalano ai siciliani una storica vittoria contro il West Ham. Una gara intensa che ha dimostrato la qualità degli uomini di Guidolin. Il Palermo si conferma una compagine matura e pronta per il grande salto. Riesce ad arginare le folate degli inglesi e a colpirli nel momento di massimo sforzo offensivo. Due tifosi inglesi sono stati arrestati, perché trovati in possesso di alcuni coltelli.