Coppia di fidanzatini spacciava per sposarsi

Lei studentessa, lui operaio arrestati dai carabinieri

Lui operaio di 23 anni , lei studentessa diciannovenne, entrambi incensurati ma soprattutto con una scadenza alle porte. Il matrimonio entro fine anno, per mettere su famiglia e coronare il loro sogno d'amore. Ma si sa, le nozze costano. E così, per racimolare i quattrini per la cerimonia, il viaggio di nozze e magari anche per riempire la casa con qualche mobile, avevano deciso di far soldi in fretta, vestendo i panni di pusher e approfittando del fatto di essere due insospettabili. I loro clienti, tutti giovanissimi, li trovavano bazzicando le sale gioco di Rho e dintorni, i giardini pubblici dove sono soliti incontrarsi gli adolescenti, e anche i piazzali delle scuole, eccezion fatta per quello dell'istituto superiore frequentato dalla studentessa. L'altra sera attendevano i clienti nel parcheggio del Liceo Majorana di Rho, chiusi in macchina sotto una pioggia battente, scambiandosi effusioni per ingannare l'attesa. Qualcuno però nei giorni scorsi si era accorto della loro presenza informando i carabinieri. Così, in borghese si sono presentati due militari, fingendosi interessati a qualche dose di fumo. I fidanzatini hanno subito mostrato il campionario. E così sono scattate le manette per le 25 stecchette di hashish già pronte da cedere e per i 1000 euro già incassati dallo spaccio. Di matrimonio ne riparleranno fra qualche anno.