Una coppia di francesi sopravvissuti fanno già causa

Olivier Carrasco (35 anni) e di Jessyca Quintale (29 anni), due abitanti nel sud-ovest della Francia, hanno già deciso di fare causa contro la Costa Crociere

E adesso fioccano le cause. Una coppia di francesi sopravvissuta al naufragio all'Isola del Giglio, ha già deciso di fare causa contro la Costa Crociere. L'edizione on line del quotidiano Sud Ouest ha raccolto la testimonianza di Olivier Carrasco (35 anni) e di Jessyca Quintale (29 anni), due abitanti nel sud-ovest della Francia che erano presenti sulla nave.

Carrasco ha annunciato al giornale che farà causa perché "stima che la compagnia (Costa Crociere) sia stata inadempiente". "Quello che è successo non doveva accadere - ha denunciato Carrasco al quotidiano regionale - non abbiamo visto nessuno della Costa prima del nostro arrivo in Francia. Ho avuto l’impressione che la compagnia non fosse preparata a quello che è accaduto. Siamo rientrati a casa con i nostri mezzi in una disorganizzazione totale. Prima che venisse proclamata una vera e propria emergenza è passata un’ora e mezza".

"Nessuno ci ha detto di salire sulle scialuppe, e noi abbiamo dovuto prendere tutte le iniziative da soli. Inoltre le spie luminose del mio gilet non funzionavano - ha aggiunto - ci avevano detto che durante la crociera ci avrebbero dato informazioni e consigli utili in caso di problemi, ma ciò non è accaduto". "Non sono mai stato informato di nulla. Sulla sicurezza delle persone la compagnia è stata inadempiente", hanno continuato i due naufraghi che hanno poi descritto quei tragici momenti parlando di momenti di "panico" e di "ressa". "L’equipaggio sembrava perso, faceva fatica a mettere le scialuppe in mare - ha continuato la donna - che facevano avanti e indietro dalla costa". Dopo avere passato la notte all’isola del Giglio, i due naufraghi si sono imbarcati con una nave in direzione di Marsiglia.