Coppia hard blocca i treni per mezz’ora

I due si appartano lungo i binari mettendo in allarme i macchinisti

Michele Perla

L’allarme giunto alla centrale dei carabinieri segnalava la presenza di sconosciuti sui binari, lungo la linea Torino-Milano. Qualche aspirante suicida, si era pensato in un primo momento. Così lo stato di attenzione è stato subito trasmesso ai macchinisti dei convogli diretti verso il capoluogo, mentre le forze dell’ordine perlustrano la zona. Nessuno immaginava quanto stesse accadendo nel tratto ferroviario compreso fra Parabiago e Vanzago, poco prima delle 22 di giovedì. A scoprire l’arcano è stato il conducente del treno 51681 proveniente da Domodossola e diretto a Milano. Il ferroviere, dopo aver rallentato, si è accorto che a ridosso dei binari, in un tratto di strada ferrata molto stretto, c’erano delle ombre. Così ha fermato il treno un centinaio di metri prima, e si è incamminato a piedi fino a quando ha raggiunto gli sconosciuti. Con grande stupore si è accorto che si trattava di una coppia di trentenni, che stava facendo sesso infischiandosene dei convogli in transito, ma soprattutto della loro incolumità.
Il macchinista, imbarazzato, ha pregato i focosi amanti di trovare un’alcova meno pericolosa. Poi è risalito sul treno e ha ripreso la sua marcia verso il capoluogo, segnalando però ai colleghi dei treni che lo seguivano la singolare presenza, raccomandando prudenza. Pertanto per più di mezz’ora tutta la circolazione ferroviaria nel tratto interessato, è rimasta rallentata. A tentare di individuare la coppia in cerca di emozioni forti ci hanno provato anche i carabinieri che sono saliti sui treni in transito scrutando nel buio, senza tuttavia ottenere risultati. Evidentemente, posto fine alle effusioni amorose, la coppietta se n’era già tornata a casa.