La coppia regina del design tutta casa e negozio

Vinciane Stouvenaker, impegnata da anni nella ricerca e nella scuola, insegna all'Istituto Europeo del Design tecnica e progettazione degli accessori, con Massimo Mariotti, esperto di marketing, hanno vinto il concorso «who's ON NEXT», ideato da Franca Sozzani per segnalare nuovi talenti nella moda. I due, hanno infatti ideato una collezione, chiamata «Decouture», fatta da un blend sofisticato di bags, pensate e prodotte con le tecniche artigianali e il savoir faire dei maestri sellai. Prodotti oggi venduti in tutto il mondo. «Io per quanto riguarda il design, Massimo perché ha studiato architettura, confessa Vinciane, siamo entrambi molto legati al tema dell'arredamento e della casa, e la nostra mi sembra esprima davvero il nostro modo di vivere». Così Vinciane spiega come la maniera di arredare che preferisce si rifà non poco al loro eclettismo, e gioca soprattutto sulla mescolanza e sull'equilibrio tra mobili moderni e funzionali accostati a pezzi decò e di modernariato. Non è di sicuro una casa di rappresentanza, ma certamente uno spazio «allargato», capace quindi di accogliere parenti ed amici anche in grande numero. Come è il loro soggiorno? Certamente particolare, con l'accostamento di una zona conversazione dal salotto vintage capitonné di Poltrona Frau e quella pranzo fatta da un insieme di tavolo e sedie decò. Un certo rigore quindi, che si ritrova anche nella camera da letto, minimale, con un grande letto tutto bianco e un cassettone Ottocento che viene dalla famiglia. Il discorso non muta quando si passa in cucina: qui la tecnologia più avanzata, fredda ma funzionale, si esprime in tutti gli elettrodomestici che dominano la scena, fatta di mobili in acciaio. Colori e tessuti? Soprattutto naturali, che staccano bene dai pavimenti in tavolato di rovere e legano con le pareti bianche, come anche con alcuni arredi rivestiti in cuoio e accostati ad altri in lacca nera. Dalla sua matita sono usciti tavoli e librerie in acciaio. La sua casa ideale? Un guscio di vetro in mezzo al verde della campagna.