Coppola nei guai, cala Ipi

Piazza Affari, unica in Europa, ha chiuso con un modesto segno positivo, riuscendo ad assorbire i realizzi conseguenti alla chiusura del mese borsistico. Stazionario il volume degli scambi, di poco superiore ai 5 miliardi in controvalore. I comparti in fermento sono quelli telefonico e bancario; nel primo Telecom si è apprezzata di un altro 2,1%, mentre il rialzo iniziale di Pirelli è stato annullato in sede di chiusura. Nel comparto bancario qualche rilievo è stato dato dai rumors su Popolare Milano e Bper, in ulteriore crescita, mentre negli assicurativi Unipol (più 1,1%) si differenzia dalle altre blue chip del settore. In fase di consolidamento il comparto dell’energia, dove solo Saipem chiude in positivo. Nel grigiore generale significativo il balzo di Piaggio (più 1,4%) e Ducati (più 3,7%), mentre finisce in «rosso» Ipi (meno 1,8%) sull’onda delle vicende giudiziarie che interessano Danilo Coppola.