Coppola: «Spiati i miei telefonini»

Ipi

I miei telefonini non funzionano e forse la colpa è delle intecettazioni abusive a cui sono sottoposto. Danilo Coppola, l’immobiliarista protagonista delle scalate bancarie dell’estate scorsa, socio di controllo di Ipi, non ha paura di sorprendere. Ieri ha affidato a un comunicato ufficiale i timori per la propria privacy, esprimendo «vivo disappunto» per le difficoltà di comunicazione via cellulare riscontrate «da oltre un anno e mezzo» con «stagnante e sincopata difficoltà di collegamento che non consente traffico in uscita e inibisce il ricevimento delle chiamate in entrata... Stante la cronicità del problema e l’assenza di riscontri - aggiunge la nota -, Danilo Coppola presume, a questo punto, che il disservizio costituisca in realtà conseguenza originata da abusive intercettazioni ordite a danno della privacy del Gruppo e in spregio alla riservatezza della sua persona».