La Corea del Nord rinuncia al nucleare: c'è l'accordo

Pyongyang ha accettato di dissativare l'impianto di Yongbyon entro il 31 dicembre. Saranno gli Usa a guidare l'attività di smantellamento dei reattori nucleari. E' una svolta storica

Pechino - La Corea del Nord ha accettato di disattivare l’impianto nucleari di Yongbyon entro il 31 dicembre. Lo ha annunciato un comunicato congiunti dei Paesi che partecipano ai negoziati a sei sul programma nucleare di Pyongyang. Saranno gli Stati Uniti, ha aggiunto il comunicato, a guidare le attività di smantellamento. Pyongyang ha accetto di fornire una "dichiarazione completa e corretta" dei suoi programmi nucleari e disattiverà le strutture nel complesso che ospita il suo principale reattore nucleare entro il 31 dicembre. Il vice ministro degli Esteri cinese, Wu Dawei, ha annunciato che in base all’intesa gli Usa guideranno la supervisione dello smantellamento delle strutture e finanzieranno queste attività iniziali. "La disattivazione del reattore sperimentale da cinque megawatt, l’impianto di riprocessamento e quello per la produzione di combustibile nucleare a Yongbyon saranno completate entro il 31 dicembre 2007", ha detto Wu. L’intesa è arrivata dopo i negoziati della scorsa settimana a Pechino che hanno coinvolto Cina, Usa, Giappone, Russia e le due Coree.