Corpi tra luci elettriche e tubi Danza contemporanea al Revel

I tre coreografi Eleonora Folegnani, Helen Cerina e Alessandro Sciarroni hanno creato altrettanti lavori di danza contemporanea che s’inseriscono nella rassegna «Exister_08/09-contaminazioni» (che si svolge in diversi luoghi milanesi ed è stata realizzata col patrocinio del Comune e la Provincia di Milano, oltre a Regione Lombardia). Stasera (ore 21), i tre artisti proporranno le loro performance allo Spazio Revel Scalo Isola (via Thaon De Revel, 3, info. 02-89071618, 334-9985224, www.exister.it). La «Glass Room» della Folegnani (20 minuti), rappresentato oggi in prima nazionale, è una performance in cui una bellissima creatura è sospesa tra due mondi, quello naturale e quello artificiale: bianca e luminosa, si nutre solo di ricordi e di sorgenti elettriche.
«F.S.A (Fakeness Selfdestruction Anticlimax)», di e con Helen Cerina, invece (7 minuti), è una performance di empatia e dark humor: una ragazza seminuda esegue azioni apparentemente pericolose in una scatola di cartone, che rendono gli spettatori dei testimoni diretti dei rischi che la protagonista sembra correre. Infine Sciarroni, con «Your Girl» (25 minuti), fa interpretare a Chiara Bersani e Matteo Ramponi una originale rilettura del celebre romanzo «Madame Bovary»: una disabile racconta il suo desiderio, che non è la ricerca di un corpo perfetto da amare e possedere, ma solo la ricerca di un corpo comune, uguale a quello degli altri. Accanto a lei, Matteo Ramponi rappresenta, per il pubblico, l’oggetto del desiderio, ispirando un chiaro e diretto confronto.