Corre Autogrill Bpm in frenata

I realizzi hanno reso Milano la peggiore piazza europea anche se la flessione del Ftse Mib è stata contenuta allo 0,78% (14.381 punti). Venduti bancari e assicurativi sostenuti nelle ultime sedute dall’euforia per lo scudo antispread: Intesa Sanpaolo ha ceduto il 3,1% e Bpm il 2,6. Perdono terreno anche Unicredit (-1,7%), Monte dei Paschi (-1,8%), Mediobanca (-2%) e Ubi (-1,8%). Il venir meno dell’ipotesi di un blocco delle tariffe da parte del governo ha riportato gli acquisti sulle utility. Bene Atlantia (+2,2%), Enel (+0,5%) e Snam (+0,4%). Ottima performance anche per Autogrill (+1,8%), sostenuta dall’aumento del traffico a giugno negli aeroporti americani e dal mancato esborso per i duty free di Adr, rilevati dai francesi di Aelia per 230 milioni. L’aver strappato un prezzo superiore alle attese ha beneficiato Gemina, balzata del 4,5%. Male Impregilo (-3,1%) nell’approssimarsi dell’assemblea per il controllo del gruppo, conteso da Gavio e Salini. Madrid ha perso lo 0,7%, Francoforte lo 0,2% e Parigi lo 0,1%. Per Londra -0,06%.