CorriRoma, la «notte bianca» di chi va di corsa

Mario Cappelli

È la «Notte bianca» dei podisti. Stasera alle 24 (anzi alle 23,59, per non partire il giorno 17...) nel centro storico di Roma e sulla via Appia Antica si svolgerà la seconda edizione della «CorriRoma», la gara di corsa su strada di 11 km (e 11 metri) organizzata dalla società che detiene i diritti della Maratona della Città di Roma, l’Italia Marathon Club, che si snoderà lungo parte del tracciato della maratona olimpica del 1960.
Unica nel panorama delle corse nazionali, la gara in notturna organizzata per ricordare le gesta di Abebe Bikila (a cui ci si è ispirati per scegliere la distanza di 11km, perché Bikila vinse l’oro olimpico a Roma indossando il pettorale numero 11), l’atleta etiope che conquistò la maratona a Roma nel 1960 correndo parte del tracciato a piedi nudi, ha visto nel 2005 un buon successo di partecipazione. Che sarà bissato stasera, quando a sfidarsi su una distanza, in un contesto (il Colosseo illuminato è da brividi...) e in un orario anomali saranno circa duemila concorrenti, tutti pronti a rivivere una notte magica che sarà ricordata anche grazie alla medaglia celebrativa consegnata a suggello della partecipazione. Lo scenario che sarà ricreato, simile a quello della maratona olimpica del 1960, con centinaia di fiaccole romane ad illuminare l’intero percorso inclusa la zona di partenza (in via di San Gregorio) e quella dell’arrivo, che come 46 anni fa sarà all’Arco di Costantino. E c’è anche chi, per meglio ripercorrere le strade di Bikila, ha annunciato che gareggerà a piedi nudi.
Atteso protagonista Stefano Baldini, campione olimpico ed europeo della maratona. Il più forte e popolare atleta azzurro in attività, detentore del record italiano di maratona, sarà sulle strade di Roma per aggiudicarsi la vittoria così come fece nel 1998 alla Maratona della Città di Roma. A contendergli la vittoria ci sarà Daniele Meucci, atleta dell’Esercito, campione italiano in carica dei 10mila metri e finalista ai Campionati Europei 2006 sulla stessa distanza, giovane protagonista del fondo azzurro già pronto a seguire le orme di Baldini in campo internazionale. I due azzurri dovranno vedersela con un folto gruppo di atleti nordafricani e soprattutto con il fondista inglese Pete Riley, campione nazionale 2006 sui 5mila metri.
In campo femminile invece la sfida si consumerà tra le azzurre del CS Esercito, Vincenza Sicari (vincitrice della passata edizione del CorriRoma) e Gegia Gualtieri, con un folto gruppo di atlete nordafricane, tra le quali la marocchina Khadisa Laaroussi.
Nel corso della presentazione di CorriRoma, qualche giorno fa in Campidoglio, il sindaco Walter Veltroni, ha detto che «CorriRoma si presenta assieme alla Maratona, come uno dei più importanti appuntamenti podistici della capitale oltre a essere l’evento sportiva in notturna che apre di fatto la stagione sportiva della città» e ha preannunciato che è allo studio la possibilità di trasformare la gara in una mezza maratona.