Corritore ai dipendenti di Palazzo Marino: «Incarichi temporanei per 25 dirigenti»

Il Direttore generale del Comune Davide Corritore ha scritto a tutti i dipendenti comunali per informarli del primo passo verso la definizione del futuro assetto organizzativo e gestionale di Palazzo Marino. Dopo il «licenziamento» anticipato di 28 dirigenti esterni (a cui Letizia Moratti aveva prorogato i contratti almeno fino a fine settembre) il city manager ha completato il conferimento temporaneo di quegli incarichi rimasti vacanti a 25 dirigenti interni. «Palazzo Marino - si legge in una nota - prosegue nella volontà di informare costantemente i dipendenti, dimostrata già pochi giorni fa proprio dal Direttore Generale con l’invio, attraverso una mail, di un video che spiegava le scelte dell’amministrazione». Un’Amministrazione «che vuole anche rendere partecipi i milanesi delle decisioni più rilevanti riguardanti il funzionamento del Comune», si legge. Davide Corritore ha ringraziato «coloro che si sono resi disponibili a svolgere compiti aggiuntivi nei prossimi mesi, certo che essi avranno il supporto delle tante energie umane che caratterizzano la nostra comunità di lavoro». Il Direttore Generale ha espresso nuovamente parole di apprezzamento nei confronti dei dirigenti in uscita per «il contributo fornito in questi anni all’amministrazione comunale, mettendo a disposizione della città la loro professionalità e la loro passione». Parole che cercano di riparare alle dichiarazioni del sindaco Pisapia in aula, quando parlò di scelte dettate «da merit e non spoil system». E fece esplodere i dirigenti lasciati a casa senza avere il tempo di dimostrare alla nuova giunta la competenza sul campo: «Dica come stanno le cose».