Corrotto da una tv al plasma Funzionario verso il processo

Un’autorizzazione «facile» in cambio di un televisore al plasma. A finire nei guai, ora, è un funzionario dell’ufficio Ambiente della Provincia, che rischia il processo con l’accusa di corruzione. Secondo il pubblico ministero Paola Pirotta, che nel luglio scorso ha chiuso le indagini, e che ora ha chiesto il rinvio a giudizio dell’indagato, l’uomo avrebbe infatti facilitato il rilascio di un’autorizzazione a una società milanese che opera nel settore della gestione e dello smaltimento dei rifiuti, ottenendo da questa un televisore ultrapiatto, del valore di qualche migliaio di euro. L’episodio di corruzione risale al giugno dello scorso anno. Parallelamente all’inchiesta giudiziaria, anche un procedimento della stessa Provincia, che ha aperto un’indagine conoscitiva interna all’ufficio.