Dopo la corsa dei maiali il sindaco mangia salsicce

La gara dei porci mette nei guai il sindaco. A Bassiano, provincia di Latina, dove si tiene la tradizionale corsa dei maiali al guinzaglio, la festa è finita in querela. Il prefetto, dopo le proteste degli animalisti, aveva autorizzato la manifestazione, ma a condizione che i suini, invece che correre, venissero portati in braccio dai padroni. Risultato: nessuno si è messo il maialino in spalla fino al traguardo e la gara si è svolta come da consuetudine. Solo che il Partito animalista europeo, che aveva diffidato il Comune, non l’ha presa bene e ha denunciato il sindaco, Costantino Cacciotti, del centrosinistra, e la pro loco locale: «Siamo stati presi in giro», giurano gli attivisti del Pae, impressionati dai grugniti dei porci. Finita la festa, tutti a mangiare succulente salsicce.