Corsa in moto contromano Morti due giovani a Genova

Due ragazzi, un napoletano e un colombiano, si sono schiantati contro un furgone, alle tre di notte, dopo una folle corsa a tutta velocità. Fuggivano alla polizia che li inseguiva perché non si erano fermati a un posto di blocco

Genova - Due ragazzi sono morti in moto scontrandosi con un furgone: sono Giuseppe Tasso, 27 anni, napoletano ma residente a Genova, e Martin Diego Faez Valencia, colombiano di 35 anni, in Italia con permesso di soggiorno. Entrambi lavoravano per un ditta che esegue lavori in appalto alla Fincantieri di Genova.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, la coppia, in sella ad una moto Yamaha Fazer, percorreva alle 3 di notte via Sampierdarena in contromano, quando ha incrociato una volante della polizia. Gli agenti hanno intimato loro l’alt, ma Tasso invece di fermarsi ha accelerato. Ne è nato un inseguimento che si è protratto fino alle strade della Valpolcevera. I due sono stati "agganciati" in via Jori. Quando hanno visto i lampeggianti della polizia si sono rimessi in marcia raggiungendo via Rossini, dove vi è un cantiere stradale. Costretti ad imboccare un tratto della strada a doppio senso in contromano si sono schiantati contro un furgone che procedeva in senso opposto. I due sono morti sul colpo. L’incidente è avvenuto non distante da dove abitava Tasso, in via Compagnoni al civico 1.