La corsa a Roma svuota Palazzo Marino

Carlo Fidanza (Alleanza nazionale), Matteo Salvini (Lega Nord) e Marilena Adamo (Pd): sono tre i capigruppo che con le prossime elezioni lasceranno il consiglio comunale per un seggio a Roma. Un vero e proprio terremoto che rischia di paralizzare Palazzo Marino in un momento delicatissimo. Con l’Expo 2015 da vincere e da cominciare a organizzare, l’Ecopass che traballa, il nuovo regolamento per la pubblicità da approvare e la battaglia sull’istituzione del registro delle coppie di fatto in agenda. Ma, oltre ai partenti, ci sono anche le probabili rappresaglie dei consiglieri di Forza Italia (e magari anche di qualche assessore) esclusi dalle liste. Un mix che rischia di diventare esplosivo, mentre sembra destinato a rientrare il caso di Guido Podestà, il candidato azzurro alla Provincia che, fatto fuori dalla corsa per Roma, minaccia di lasciare Fi.