Dopo la corsa Tre moldavi «pagano» taxista a bottigliate

Una corsa da Milano a San Giuliano Milanese con tre extracomunitari e poi il tassista, P.M., 50 anni, è stato «pagato» a bottigliate in testa. L’aggressione poco dopo le 19.30, la vigilia dell’Epifania. Gli stranieri, descritti come moldavi, erano a Milano Rogoredo. Avevano anche fatto gli «amiconi» cercando di parlare, in italiano stentato, del più e del meno con il conducente. Nella mezz’ora in cui erano stati a bordo avevano raccontato di voler andare a trovare un amico che non vedevano da tempo e anche di essere originari della Moldavia. Ma una volta arrivati a destinazione, in via 25 aprile, quando l’autista ha chiesto 40 euro, come da tassametro, per tutta risposta ha ricevuto dall’uomo seduto in centro sul sedile posteriore due bottigliate in testa. L’ultimo colpo gli ha anche provocato una ferita profonda alla guancia, dov'è rimasto conficcato un pezzo di vetro. Nemmeno il sangue che scorreva copioso sul retro del sedile anteriore ha bloccato i malviventi. Subito dopo, quando hanno visto l’uomo perdere le forze i tre si sono dileguati nel buio facendo perdere le proprie tracce.