Corsi di judo gratis per commercianti

Lezioni di autodifesa per le categorie a rischio rapina. Telecamere sui taxi

«La miglior difesa è un bel colpo di judo, assestato senza far ricorso alle armi». Parola del vicesindaco Riccardo De Corato che, per salvaguardare la sicurezza di commercianti ed edicolanti, vuole istituire appositi corsi di difesa personale. Sul modello dell’iniziativa «Cintura rosa», riservata alle donne. Le categorie a rischio potranno frequentare le lezioni - tenute da istruttori del Coni - una volta alla settimana, la domenica o il lunedì mattina, per due mesi e mezzo. «Con questa iniziativa - spiega De Corato - rispondiamo alla necessità di maggiore sicurezza di una categoria particolarmente esposta alla criminalità. Categoria che il Comune ha già sostenuto finanziando l’acquisto di impianti di videosorveglianza e antirapina».
Gli stessi che, ora, potranno essere installati dai tassisti. Palazzo Marino ha, infatti, varato il bando per l’acquisto di impianti per prevenire rapine e aggressioni. Chi ne farà richiesta - le domande saranno valutate da una commissione che stilerà la graduatoria - potrà ottenere mille euro, che serviranno a coprire la metà della spesa. I fondi, un milione di euro in totale, sono stati stanziati dal Comune nel bilancio 2007. Saranno raddoppiati in estate, quando entrerà in vigore il nuovo bando. «Per adesso - prosegue De Corato - tassisti e tassiste sono liberi di scegliere quali impianti installare fra sistemi di videosorveglianza collegati con istituti di vigilanza privati, Gps per la rilevazione della posizione, barriere antisfondamento e antieffrazione, sistemi di pagamento con carta di credito». (...)