Corsie gialle, il Centro Ovest boccia Tursi

Hanno detto «no» in blocco - centrodestra all’opposizione e centrosinistra in maggioranza- alle corsie gialle in via Fillak e via Reti e, più in generale, in tutta l’area del ponente che comprende Sampierdarena e Rivarolo: i consiglieri della circoscrizione Centro Ovest sono passati sopra le divisioni di schieramento e hanno approvato all’unanimità un ordine del giorno che boccia i cosiddetti «corridoi di qualità» introdotti dall’amministrazione comunale per consentire il transito preferenziale degli autobus.
Le ragioni della protesta anti-corsie gialle, che accoglie le istanze dei comitati spontanei di cittadini contro un provvedimento imposto dal Comune in accordo con Amt, sono spiegate diffusamente nel documento approvato dal «parlamentino» e indirizzato direttamente al vertice di Tursi. In particolare, i consiglieri sottolineano come «il Centro Ovest e in particolare Sampierdarena siano interessati da un grave problema di traffico e di mobilità riguardante nello specifico l’asse viario che da lungomare Canepa interessa le vie Pieragostini, Molteni, Avio e le piazze Vittorio Veneto e Montano, ormai diventati il nodo nevralgico di smistamento del traffico della città». In questo ambito, «i due progetti di corridoi di qualità che riguardano il tratto via Fillak-via Reti e ponte Pieragostini», anziché velocizzare, hanno rallentato il traffico viario con serie conseguenze in tutte le ore della giornata, «oltre ad avere alzato i livelli di inquinamento atmosferico e aggravato la vivibilità dei cittadini e dei residenti in zona».
Fra l’altro, aggiunge ancora l’ordine del giorno del Consiglio di circoscrizione, «nel tratto via Fillak-via Reti non è stata considerata la cronica carenza di posti auto, e l’intervento realizzato ha creato situazioni di grave disagio», anche in ragione dell’ordinanza del sindaco che prevede il divieto di sosta dei veicoli dalle 0 alle 24.
Per questo, il parlamentino, venendo incontro alle richieste dei cittadini, chiede che le attuali ordinanze sulle corsie gialle «siano abrogate e vengano ripristinate le precedenti condizioni di viabilità», impegnando inoltre il sindaco e la civica amministrazione ad aprire un tavolo di confronto con la circoscrizione per affrontare complessivamente il tema della viabilità nel Centro Ovest.