In corso B.Aires una notte bianca tutta per le bici

Come lo scorso anno - e bisogna ammetterlo, fu una felicissima intuizione - Milano vivrà una notte magica per la bicicletta. La sera del 16 settembre, venerdì prossimo, giornata inaugurale del Salone, corso Buenos Aires chiuderà infatti al traffico per diventare una enorme, lunghissima pista, di 1.600 metri, meta e divertimento per tutti gli appassionati che vorranno provare l’emozione di una notte diversa.
Grandi biciclette illuminate rischiareranno a giorno un’arteria che è tra le maggiori al mondo, saranno luminarie natalizie in anticipo ed è giusto che sia così perché le giornate della Fiera del ciclo sono giornate di grande festa. Sono previsti spettacoli e attrazioni, nel bar verranno offerti cocktails speciali, il cui nome è, manco a dirlo, Coppi e Bartali. Nel 2004 oltre ventimila persone affollarono la via commerciale (oltre 400 sono i negozi) in centro città. Tra l’altro, corso Buenos Aires è attraversata dalla metropolitana rossa, la stessa che porta al quartiere di Rho-Fiera.
Pedalata azzurra Domenica 18, come di consueto, ci sarà la Pedalata azzurra dedicata agli appassionati. Partenza e arrivo in Fiera, la cicloturistica si snoderà in Brianza.
Nazionale Venerdì alle 15.30 verranno anche annunciate le nazionali di ciclismo che saranno impegnate pochi giorni dopo al Mondiale di Madrid (la prova su strada maschile è prevista per domenica 25). Un avvenimento straordinario, in «diretta» in Fiera, perché è grande la attesa che circonda la nascita della nuova «creatura» di Franco Ballerini nel nuovo corso del ciclismo voluto da Renato Di Rocco, neo presidente federale.
Una Nazionale imperniata su Petacchi e Bettini che a Madrid cercherà di rinverdire i fasti di Zolder, il trionfo di Cipollini.