Un corso per essere giornalisti oggi

Dal giornalismo redazionale agli
uffici stampa, dalla comunicazione d’impresa alla creatività delle
agenzie pubblicitarie. Parte l’8 novembre 2008 la quarta edizione del corso di Comunicazione
Giornalistica Multimediale organizzato dall’Osservatorio giornalistico
Mediawatch

Milano - Parte l’8 novembre 2008 la quarta edizione del corso di Comunicazione Giornalistica Multimediale organizzato dall’Osservatorio giornalistico Mediawatch.

L'obiettivo del corso Il corso, della durata di 180 ore, si articola in nove moduli didattici indipendenti da 20 ore ciascuno e mira a formare operatori in grado di applicare le competenze acquisite in tutti i settori dell’informazione e della comunicazione. L’offerta didattica spazia dal giornalismo redazionale a quello degli uffici stampa, dalla comunicazione d’impresa alla creatività delle agenzie pubblicitarie, dalla comunicazione radiotelevisiva alla fotografia. "Abbiamo notato che la figura del comunicatore e del giornalista in particolare – spiega CarloVittorio Giovannelli, Presidente di Mediawatch - non può prescindere da una struttura mentale elastica e aperta a tutti i campi dell’informazione e della multimedialità". E’ altrettanto importante che chiunque operi nel campo della comunicazione conosca e padroneggi i linguaggi e le tecnologie dell’informazione, senza le quali ci si allontana dalle aspettative del mercato professionale. "Il nostro corso, ormai alla quarta edizione, risponde adeguatamente a queste nuove esigenze", concludono gli organizzatori.

A chi si rivolge L’iniziativa di Mediawatch si rivolge a un’utenza eterogenea: laureati, laureandi, diplomati, operatori di marketing e comunicazione, liberi professionisti, giornalisti o aspiranti tali, DJ radiofonici, fotografi, ideatori e montatori video, operatori delle nuove tecnologie informatiche. I posti disponibili sono 60 e verranno assegnati secondo l’ordine cronologico di iscrizione.

I patrocini Il corso è patrocinato dal Ministero per i Rapporti con le Regioni, dalle Università Statali di Bergamo, Pavia e Insubria di Varese, dalla Regione Lombardia, dalla Provincia e dal Comune di Milano.

Gli orari Le lezioni si svolgeranno al sabato (dalle 9 alle 12 e dalle 13 alle 16) presso l’aula multimediale del Liceo Classico G. Carducci di Via Beroldo 9 a Milano (M1 e M2 Loreto). Il corso si concluderà il 13 giugno rispettando le interruzioni derivanti da ricorrenze festive nazionali.

I docenti Le lezioni e le esercitazioni saranno tenute da 12 docenti universitari (Parma, Varese, Pavia, IULM, Politecnico di Milano); 19 giornalisti appartenenti a diverse testate cartacee, televisive, radiofoniche e online; 15 professionisti e manager, 5 rappresentanti di importanti aziende. Tra gli altri interverranno Santo Versace, Luciano Fontana (Vicedirettore del Corriere della Sera), il noto fotografo Gabriele Basilico, Massimo Esposti de Il Sole 24 Ore, Marco Pratellesi Direttore di Corriere.it, il DJ Ringo, la conduttrice radiofonica Lucilla Agosti e il documentarista RAI Gilberto Visintin.

I costi Con la frequenza dei 9 moduli si conseguirà il titolo di Master e il costo è di 1920 euro (Iva inclusa). La frequenza di almeno 3 moduli a scelta, al costo di 720 euro (Iva inclusa) e 170 euro per ogni modulo aggiuntivo, comporta il conferimento di un attestato di frequenza. Il percorso formativo si chiude, per il Master, con la discussione di una tesi approfondita riguardante argomenti trattati in aula e per tutti gli altri con un colloquio orientato su una tesina riguardante argomenti scelti dai singoli candidati. Mediawatch mette a disposizione 10 borse di studio, conferite per meriti, una per il master e nove per gli attestati.