Corte dei conti Condannato l’ex portavoce di Penati

La terza sezione giurisdizionale centrale d’appello della Corte dei conti ha condannato Franco Maggi, ex capo di Gabinetto della Provincia di milano e portavoce dell’ex presidente Filippo Penati, a pagare 15mila euro per danni erariali legati in relazione all’incarico conferito a Barbara Volpi Vitti, che nel dicembre del 2004 lavorò per Palazzo isimbardi come «consulente e supporto specialistico alle strutture operative e amministrative per la promozione e lo sviluppo dell’immagine dell’Ente locale». I giudici contabili dichiarano «illegittimo» quell’incarico, perché nell’organico del personale provinciale esistevano già figure professionali in grado di svolgere i compiti affidati alla Volpi Vitti, e perché quest’ultima risultava «comunque priva dei requisiti culturali» richiesti dalla legge. E «della responsabilità del signor Maggi per l’accaduto - concludono i giudici - non può dubitarsi».