Corteo e tir fermi: traffico in tilt fino a tarda sera

Il corteo di protesta dei lavoratori del porto, con il conseguente blocco dei tir, ha mandato in tilt il traffico in città e non solo. Code di mezzi pesanti hanno bloccato l’uscita autostradale di Genova Ovest fino a sera, con ripercussioni anche sulle strade che conducono alla città e ai valichi portuali. Pattuglie della polizia stradale e dei vigili urbani hanno presidiato per tutto il giorno le zone più a rischio per il traffico, ma non c’è stato gran che da fare contro gli effetti della protesta scattata dopo la morte del lavoratore in porto.
In mattinata i camalli hanno bloccato i varchi non senza qualche animata discussione con i camionisti. Immediate le ripercussioni sul traffico cittadino e sul nodo autostradale, dove in pochi minuti si sono formate le prime code di camion. Alle 10 la società autostrade consigliava «a tutti i mezzi pesanti diretti verso l’imbarco di Genova» di «non mettersi in viaggio in quanto le operazioni di carico e scarico sono sospese fino al mattino di lunedì prossimo».
Non è andata meglio a chi era già in città è si stava muovendo in auto. Il corteo di protesta (al quale hanno partecipato anche le autorità, sindaco in testa) dal porto si è diretto verso la prefettura. La manifestazione ha costretto i vigili urbani a chiudere le strade attraversate dal corteo. Complice la pioggia, si è formato un ingorgo nella zona del centro nel quale, oltre alle auto, sono rimasti intrappolati anche i mezzi pubblici.