Corteo per Ramelli ucciso a 19 anni

Giocava al pallone e tifava Inter. Portava i capelli lunghi. Aveva un motorino, un «Ciao». Aveva 19 anni, si iscrisse all’Istituto tecnico Molinari perché amava la matematica e la chimica. Sergio Ramelli militava nel Fronte della Gioventù, e alle 13 del 13 marzo 1975 venne selvaggiamente aggredito sotto casa dal servizio d’ordine di Avanguardia operaia. Morì dopo 48 giorni di agonia. Anche quest’anno, il 29 aprile, lo ricordano i «suoi camerati» con un corteo da piazzale Susa (ore 19) sino a via Paladini.