Cortometraggi sudafricani all’Oberdan

Stasera lo Spazio Oberdan, dalle 19 alle 21, propone «I corti della Nazione Arcobaleno», 12 cortometraggi scelti tra i più rappresentativi del Sudafrica post-apartheid e parte della più ampia rassegna itinerante «Dumèla, Sud Africa! Sguardi sul cinema della “Nazione Arcobaleno”» che fornisce una panoramica sulla produzione cinematografica più viva del Paese. Tra i temi proposti il pesante fardello del passato e la difficoltà di venire a patti con il dolore dell’ingiustizia subita (in «Ubuntu’s Wounds» di Sechaba Morojele); il conflitto tra il nero sudafricano povero e il “nemico” immigrato di colore («The Foreigner» di Zola Maseko); la vita nelle township, vista da dentro («Portrait of A Young Man Drowning» di Teboho Mahlatsi). Programma completo su www.cinetecamilano.it; ingresso gratuito con Cinetessera.