COSÌ ALEMANNO SI PREPARA A SCALARE IL CAMPIDOGLIO

Tra gli obiettivi del Pdl anche quello di portare le Olimpiadi del 2020 nella capitale

Ha scalato, in tenuta sportiva, per due volte una parete attrezzata di 10 metri in un centro sportivo allestito per l’occasione al laghetto dell’Eur. Così il candidato del Pdl a sindaco di Roma Gianni Alemanno, appassionato di alpinismo, ha incontrato alcune associazioni sportive e campioni della boxe, come Vincenzo Cantatore, Giorgio Marinelli e Emanuele Della Rosa e gli atleti di punta dell’arrampicata sportiva italiana Silvio Mondinelli e Jenny Lavarda. Alemanno ha partecipato all’iniziativa prima di presentare le proposte del Pdl in tema di attività sportive. Tra gli altri, erano presenti, i deputati Maurizio Gasparri, Fabio Rampelli e Mario Pescante, il presidente di Alleanza Sportiva Italiana Claudio Barbaro, il capolista del Pdl a Roma Fernando Aiuti, il responsabile dell’ufficio sport di An Riccardo Andriani e il consigliere comunale uscente Alessandro Cochi. Hanno partecipato anche il presidente del Coni regionale e responsabile nazionale di Special Olypimpics Italia Alessandro Palazzotti, l’associazione che promuove lo sport delle persone con disabilità intellettive, Cosimo D’Ambrosio, il presidente della Larus Nuoto, società da cui viene il grande nuotatore Filippo Magnini, il padre dei fratelli tuffatori olimpici Stefano Marconi e il giornalista Italo Cucci. Per Alemanno la candidatura di Roma a ospitare le Olimpiadi del 2020 è «un obiettivo ambizioso ma raggiungibile».