«Così Conti mostra un disegno strategico»

da Milano

«Con questa mossa Enel si riposiziona e si rafforza sul mercato in vista delle prossime aggregazioni che dovranno avvenire in Europa»: Roberto Prioreschi, partner di Bain & Company, responsabile per l’energia ritiene che «a livello nazionale ci sia sicuramente un rafforzamento del gruppo, ma che l’impatto maggiore sia a livello internazionale. Enel in questa operazione ha mostrato maggiore maturità - afferma - non si muove più per cogliere occasioni che si possono presentare, ma si nota un disegno strategico da parte dell’ad Fulvio Conti. È forse l’elemento più importante di tutta la vicenda: l’Enel è l’unico gruppo italiano del settore che in questo momento ha una prospettiva molto interessante di posizionamento per il prossimo futuro nei mega-merger».
Ma esiste davvero la possibilità di altre fusioni tra grandi gruppi? «Se non a super-merger (ma ricordiamoci che Suez-Gdf non è morta del tutto), io penso a spin off di attività che vengano da acquisizioni e che siano considerate non strategiche. Ci sono cinque grandi operatori europei che sono degni di questo nome e che non hanno ancora concluso le operazioni di acquisizione: nell’Ue a 25 ci sono ancora spazi per Enel, tedeschi e francesi, nei Balcani e in Est Europa».
Allora aspettiamoci altri scossoni... «Tutto dipende dal processo di liberalizzazione del mercato Ue, diversamente le barriere all’entrata di nuovi operatori restano elevate».