Così la Ferrari diventa un'opera d'arte nel deserto

Realizzati da Editalia per il Ferrari Park di Abu Dhabi una scultura in bronzo della F10, che con Alonso domenica si gioca il titolo, e cinque stampe esclusive

Il Ferrari Park di Abu Dhabi è una disneyland dei motori ma vuole essere anche un avamposto dell'arte - in chiave maranelliana - in mezzo al deserto. Da qui la scelta di Editalia, incaricata dalla Farah Leisure Park LLC (la società che gestisce il parco tematico dedicato al cavallino rampante), di sviluppare prodotti d'arte esclusivi per il Ferrari Park.
Questo weekend, in occasione del Gp di Abu Dhabi, verrano presentati la F10 e 5 stampe d'arte. La F10 è una scultura in bronzo laminato realizzata con la tecnica della microfusione a cera persa, in scala 1/43 e tiratura limitata; le stampe, realizzate con tecnica ai pigmenti di Carbonio, hanno per soggetti immagini d'epoca: Alberto Ascari sulla Ferrari 375 a Indianapolis nel 1952; Froilan Gonzalez sulla Ferrari 375 F1 che vince il British GP nel 1951; l'officina della Scuderia Ferrari nel 1932; Mike Hawthorn che guida la Ferrari 246 F1 durante il Gran Premio di Argentina nel 1958; la copertina del Ferrari Year Book del 1949.
La scultura della vettura attualmente guidata dalla coppia Alonso/Massa è stata scelta da Ferrari come gift esclusivo per i selezionatissimi ospiti che stasera parteciperanno all'Evening at the Races, primo evento Ferrari all'interno del parco nel quale saranno presenti i piloti della casa di Maranello e tutto il team di formula 1.