Così il governo vuole spiare anche i pensionati

Anziani obbligati a trasmettere all’Agenzia per le entrate la riscossione della polizza vita. Un’altra stangata è in arrivo sulle consumazioni in discoteca. «Graziati» per un anno i calciatori

Fabrizio Ravoni

da Roma

Dai teenagers agli anziani. Non sfugge e non dimentica nessuno il decreto Visco-Bersani sulle misure anti elusione ed evasione fiscale. Con due circolari, da complessive 175 pagine, l’Agenzia delle Entrate spiega le modalità di applicazione del decreto. I teenagers si vedranno aumentare i biglietti d’ingresso nelle discoteche (l’Iva sulle consumazioni sale dal 10 al 20%). Gli anziani saranno, invece, schedati dall’Anagrafe tributaria, quando - a conclusione del contratto - riscuoteranno le polizze vita, spesso utilizzate come strumento di risparmio. In compenso, per il momento, la faranno franca i calciatori professionisti. I loro contratti per il campionato 2006-07 non saranno ancora acquisiti per via telematica dall’Anagrafe tributaria; l’obbligo scatterà più avanti.
Immobili. È stato il capitolo più controverso dell’intero provvedimento. Le norme che hanno avuto un forte impatto sulle società immobiliari quotate sono state modificate. Fra le novità più rilevanti, quella che prevede l’obbligo di registrare tutti i contratti d’affitto in vigore al 4 luglio scorso. Compresi quelli sottoposti ad Iva, che prima potevano evitare l’adempimento. Una prossima circolare fisserà le modalità per il pagamento dell’imposta di registro.
Professionisti. È confermato che commercialisti, avvocati, notai ed architetti (e mille altre categorie di professionisti) dovranno essere pagati con assegni o carta di credito. Fino al 30 giugno del prossimo anno l’obbligo sarà per le parcelle superiori ai mille euro. Dal primo luglio 2007 al 30 giugno 2008 si dovranno pagare con assegno se gli importi sono superiori ai 500 euro.
Agenzie immobiliari. Si potrà detrarre del 19% la spesa sostenuta per l’intermediazione mobiliare. L’importo su cui applicare lo sconto, però, è limitato ad un massimo di mille euro. Per un appartamento medio da 250mila euro, la provvigione media è di 7.500 euro. Ma lo sconto fiscale massimo resta inferiore ai 200 euro.
Casa. Scende dal 20 al 10% l’Iva sulle ristrutturazioni edilizie. Ma scende anche la detrazione Irpef. Passa dal 41 al 36%.
Scatole fiscali. La circolare dell’Agenzia spiega anche le misure introdotte per evitare forme di elusioni fiscali con triangolazioni internazionali. In alcuni casi, è previsto che debba essere il contribuente a dimostrare che è in regola con il Fisco. Viene insomma invertito l’onere della prova.
Banche ed assicurazioni. Le compagnie assicurative dovranno comunicare all’Anagrafe tributaria il pagamento e l’importo di premi o rimborsi (compreso il codice fiscale dell’interessato) pagati dopo il primo ottobre. E le banche dovranno sempre comunicare all’Anagrafe tributaria tutti i rapporti con i contribuenti-clienti esistenti al primo gennaio 2005.
Riscossione SpA. I dipendenti della nuova società avranno accesso, anche con poteri di controllo, alle banche dati controllate da soggetti pubblici e privati.
Lavoro nero. Introdotta la «multa proporzionale» per chi offre lavoro nero. È rapportata al costo del lavoro parametrato su quello dei contratti nazionali. Le multe a carico dei datori di lavoro infedeli oscilleranno fra i 1.500 ed i 12mila euro, maggiorate di 150 euro per ciascuna delle giornate di lavoro effettivo.