Così l’amore sfida la legge del tempo

Amori tarlati dal sospetto e sentimenti portati ai confini del fantasy. Nel penultimo weekend di giugno a tenere banco è ancora una volta l’amore. Trionfatore a Cannes nella Quinzaine des Réalisateurs, esce L’amore sospetto che il regista Emmanuel Carrere ha tratto dal suo romanzo I baffi (Bompiani). Tutto inizia con un gesto banale, ma di grande impatto: pensando di fare una sorpresa alla moglie, Marc (Vincent Lindon) si taglia i baffi che porta da un decennio. Risultato? Né Agnés (Emmanuelle Devos), né amici e colleghi sembrano accorgersene. Anzi, tutti confermano la stessa tesi: Marc non ha mai avuto baffi. Sequenze serrate e musiche avvolgenti (le firma Philip Glass) rafforzano l’ossatura di un film che seduce seminando dubbi (Eurcine, Intrastevere, Quattro Fontane).
Una coppia pronta a fare i conti col tempo e con i capricci del destino, pur di realizzare il sogno d’amore è quella descritta nel film La casa sul lago del tempo, per il nuovo film di Alejandro Agresti, remake hollywoodiano della pellicola coreana Il mare. Una love story grondante melassa con risvolti fantasy - un uomo e una donna comunicano e si innamorano, via lettera pur vivendo in epoche diverse - che sfida ogni convenzione riuscendo a trasformare l’incredibile in reale. Quando nel 2006 la dottoressa Kate (Sandra Bullock) lascia la sua palafitta di vetro e acciaio per trasferirsi a Chicago, non sa che intratterrà con l’architetto Alex (Keanu Reeves), il nuovo inquilino della casa sul lago, più di un semplice rapporto epistolare. I due, divisi da un biennio ricco di eventi (lui vive nel 2004), a dispetto della razionalità e della logica, riusciranno a incontrarsi nel futuro per coronare quel progetto sentimentale che Jane Austen tradusse egregiamente nel romanzo Persuasione.
Tra i ritorni ruggenti sul grande schermo, oltre alla grande prova d’attore di Charlton Heston in My father, dramma di Egidio Eronico interpretato da Thomas Kretschmann e F. Murray Abraham, e ispirato alla figura di Josef Mengele, il medico carnefice di Auschwitz, nel weekend cinematografico c’è da segnalare il coming back di altre due star hollywoodiane, Michael Douglas e Kim Basinger, protagonisti di lusso di The Sentinel thriller politico di Clark Johnson. Tratto dall’omonimo romanzo di Gerald Petievich, il film racconta la storia di un ex agente dei servizi segreti americani (Douglas) che viene promosso responsabile della sicurezza della First Lady, ma si troverà al centro di un complotto organizzato da una talpa infiltrata nei servizi segreti per uccidere il Presidente degli Stati Uniti. Nel cast anche Eva Longoria e Kiefer Sutherland (in 17 sale).