Così Nissan anticipa il futuro E la tecnologia sarà per tutti

Al Ces di Las Vegas il numero uno Ghosn parla della nuova Leaf con il sistema di guida autonoma «ProPilot»

Piero Evangelisti

I Saloni dedicati all'elettronica stanno ormai soppiantando i tradizionali eventi del settore automotive nell'attenzione delle Case automobilistiche. La conferma è arrivata anche quest'anno da Las Vegas, al Consumer Electronics Show, noto al grande pubblico con la sigla Ces, dove molti costruttori hanno svelato importanti innovazioni che non sono state mostrate all'Auto Show di Detroit che è in corso in questi giorni e dove i concept sono sempre più rari. Al Ces, Nissan ha voluto essere protagonista con importanti annunci sull'auto del futuro, innovazioni presentate direttamente da Carlos Ghosn, chairman e ceo della Casa giapponese (oltre che dell'AlleanzaR con Renault). «In Nissan, da sempre lavoriamo per introdurre le tecnologie più avanzate in tutti i nostri veicoli, mettendole a disposizione di quante più persone possibili - ha dichiarato Ghosn - non basta un approccio innovativo: serve anche ingegno, ed è esattamente quello che facciamo con la nostra visione di Mobilità Intelligente». Cinque sono state le importanti novità di Nissan presentate sul palco del Ces dove si sono svolte anche dimostrazioni della reale efficacia di queste nuove tecnologie.

La prima è la piattaforma «Seamless Autonomous Mobility», sviluppata sulla base di una tecnologia della Nasa, che affianca all'intelligenza artificiale di bordo la logica umana per consentire ai veicoli a guida autonoma di prendere decisioni in caso di importanti emergenze, andando così a colmare quella che viene ritenuta una lacuna delle autonomous car. Ghosn ha poi annunciato che sotto la guida dell'Alleanza Renault-Nissan, quest'ultima e DeNa, provider di servizi Internet giapponese, avvieranno alcuni test orientati allo sviluppo dei veicoli senza conducente per uso commerciale. La prima fase dei test comincerà quest'anno, in Giappone, e si focalizzerà sullo sviluppo delle tecnologie. Entro il 2020, Nissan e DeNA prevedono di estendere i test anche all'uso commerciale della tecnologia senza conducente per servizi di mobilità nella congestionata area metropolitana di Tokio.

Oltre ai progressi registrati da Nissan nella guida autonoma, Ghosn ha annunciato i piani per il lancio della nuova Nissan Leaf, dotata di tecnologia di guida autonoma ProPilot, che permette di procedere in autostrada rimanendo all'interno della corsia. Questa evoluzione permetterà al costruttore giapponese di consolidare la sua leadership nel settore dei veicoli elettrici, forte di oltre 250.000 Leaf vendute nel mondo a partire dal 2010. Ghosn ha inoltre comunicato che la nuova Leaf arriverà presto e rappresenterà il prossimo capitolo di Nissan Intelligent Power. Passando alla connettività, prosegue lo sviluppo di tecnologie con Microsoft dove l'assistente virtuale Cortana giocherà un ruolo decisivo.

Quinta iniziativa annunciata al Ces da Ghosn riguarda le politiche ambientali e le attività di pianificazione necessarie per l'integrazione di tutte le nuove tecnologie nel tessuto urbano. Si tratta di una nuova partnership con «100 Resilient Cities», un programma globale no profit promosso dalla Rockefeller Foundation, che si propone di aiutare le città a sviluppare le strutture capaci di resistere all'impatto delle nuove tecnologie a livello sociale ed economico. In Italia, Roma e Milano sono già in prima linea nello sviluppo di questo programma. Insieme, Nissan e le città di «100RC» getteranno le basi per la guida autonoma, i veicoli elettrici e nuovi servizi di mobilità. Nissan è il primo partner automobilistico di «100RC». Di fronte a uno scenario di questa complessità è quasi impossibile pensare di muoversi da solo, e Nissan si sta già muovendo per allacciare nuove partnership.