"Così al Qaida continua ad avere mire sull’Irak"

"Risolutezza" e "determinazione". All’indomani della diffusione del
contenuto dell’ultimo, recente e autentico, video di Bin Laden, il
presidente americano George W. Bush chiede alla nazione di dimostrare
queste due doti, "per proteggere noi stessi e impedire ad al Qaida di
trovare angoli sicuri in cui nascondersi"

da Washington

«Risolutezza» e «determinazione». All’indomani della diffusione del contenuto dell’ultimo, recente e autentico, video di Bin Laden, il presidente americano George W. Bush chiede alla nazione di dimostrare queste due doti, «per proteggere noi stessi e impedire ad al Qaida di trovare angoli sicuri in cui nascondersi».
«Il nastro ci ricorda in che mondo pericoloso viviamo», ha detto il capo della Casa Bianca e che il piano militare americano è sotto attacco. L’Irak è uno dei temi su cui il presidente torna, commentando le parole del terrorista islamico. «Trovo interessante il fatto che nel nastro sia menzionato l’Irak. Ci ricorda che l’Irak è parte di questa guerra contro il terrorismo». È un luogo in cui gli estremisti seguaci di Bin Laden «vogliono raggiungere obiettivi, che sono quelli di condurre attacchi e crearsi un rifugio», ha aggiunto Bush. Per questo è necessario mostrare «risolutezza e determinazione», «negare ad al Qaida qualsiasi rifugio e sostenere le giovani democrazie. Ciò rappresenta la più pesante sconfitta per le loro ambizioni».
Il capo della Casa Bianca ha parlato da Sydney, dove si trova per il vertice Apec. A fargli eco è stato il ministro degli Esteri australiano, rappresentante di un Paese alleato degli Stati Uniti nella lotta al terrore, Alexander Downer: «Bin Laden esorta tutti a farsi musulmani così la pace diventerà mondiale. Credo che ciò dimostri il fanatismo di Osama Bin Laden e di al Qaida», ha detto il rappresentante della diplomazia australiana.
Mentre i media internazionali diffondevano venerdì il testo del videomessaggio dello «sceicco del terrore», la Cia annunciava che nuovi attacchi su «vasta scala» potrebbero colpire l’America. La Casa Bianca ha fatto sapere che «catturare», «portare davanti alla giustizia» o «uccidere» Bin Laden è una priorità per il governo degli Stati Uniti.