«Così riduciamo la plastica: 1.800 tonnellate in un anno»

Una strisciata sul codice di acquisto e i cibi del supermercato finiscono nel carrello. È il divertimento dei bambini che accompagnano i grandi a fare la spesa. Ma ora c’è di più: il lettore ottico ti racconta come è nato un prodotto e ti insegna a riciclarlo nel modo più conveniente possibile. Si chiama «Spesa intelligente», al momento si può fare soltanto in una mostra interattiva ideata Coca Cola Hbc Italia, ma in un futuro prossimo, c’è da scommetterci, verrà adottata anche dai supermercati.
La mostra, «Un impatto da contenere», è allestita a Napoli, nel villaggio del Giffoni Experience che da martedì al 24 luglio ospita la rassegna cinematografica dedicata ai ragazzi, ed è gratuita. L’intento è quello di insegnare a grandi e piccini l’importanza del riciclo e sensibilizzare alla raccolta differenziata. Il percorso nasce in collaborazione con Coca-Cola Italia e ha il patrocinio di Conai e Cittadinanzattiva Onlus.
Occupa uno spazio complessivo di 80 metri quadrati e si articola in cinque aree, con ambientazioni e tematiche diverse. C’è la sezione «Spesa Intelligente» che informa i visitatori dell’indice di riciclabilità di ciascun prodotto. C’è la «Casa creativa» che intrattiene con un gioco a tempo: si hanno pochi secondi per indovinare di quale materiale sono fatti gli oggetti esposti e come si possono riciclare. C’è l’«Isola ecologia felice»: giocando con l’aiuto dell’elettronica si potrà misurare la propria conoscenza sulla raccolta differenziata, mentre sarà possibile vedere e toccare oggetti realizzati con materiale riciclato al cento per cento, nell’area Ecodesign. Infine, in «Missione Ricigiocare» tutti potranno mettersi in gioco partecipando ai diversi laboratori dedicati al riuso creativo degli imballaggi: tappi, lattine, bottiglie di plastica.
I visitatori verranno accompagnati da «eco-animatori» che illustreranno i pannelli informativi esposti sulle modalità del riciclo, sulla legislazione che ne governa le procedure, sugli interventi di Coca-Cola Hbc Italia a tutela dell’ambiente e riceveranno in regalo il libro «L’ispettore Closet e la tribù del riciclo».
Il racconto, patrocinato dal ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio, mostra i protagonisti impegnati a liberare l’ambiente dai rifiuti grazie all’utilizzo della raccolta differenziata e sarà la trama dello spettacolo teatrale «La Tribù del Riciclo» organizzato da Coca-Cola Hbc Italia che partirà a novembre 2011, toccando in tournèe tutti i principali teatri italiani nel corso del 2012.
«Siamo orgogliosi di rivestire anche per quest’anno il ruolo di eco partner al Giffoni Experience, un palcoscenico di richiamo internazionale che ci permette di trasmettere i valori ecosostenibili dell’azienda e diffondere la cultura della raccolta differenziata tra i giovani» ha dichiarato Giangiacomo Pierini, Communication manager di Coca-Cola Hbc Italia. È invece Alessandro Magnoni, responsabile della comunicazione a spiegarci la politica green di un’azienda che imbottiglia, produce e distribuisce bibite in bottigliette di plastica e lattine. «Abbiamo sette stabilimenti in tutta Italia, 3.300 dipendenti e 31 prodotti (fra acque minerali, Fanta, Sprite e le varie Coca Cola), nell’ultimo triennio, dal 2008 al 20010 abbiamo ridotto la produzione di rifiuti del 35%, riducendo il peso di bottigliette e lattine e gli imballaggi. Abbiamo risparmiato un 16% di energia con migliorie alle aziende e corsi di formazione interni.
Nel 2011 abbiamo installato impianti fotovoltaici per 18 milioni di euro in grado di coprire il 55% del fabbisogno energetico. Non solo: i nostri materiali sono diventati tutti riciclabili al 98%».