Così lo scrittore si divide tra parole e silenzi

Nick Hornby e Jeffrey Deaver tra gli ospiti della rassegna che sarà aperta da una serata tutta italiana sul Risorgimento

Per il settimo anno consecutivo Roma ospiterà il Festival internazionale delle letterature. Una kermesse che sarà inaugurata il prossimo 20 maggio e che vedrà salire sul palco sistemato nell’area della Basilica di Massenzio, al Foro Romano, 36 autori che si avvicenderanno fino al 19 giugno, data di chiusura della manifestazione.
«Apprezzo l’impostazione di questa manifestazione sia nel format che nella scelta dei contenuti nell’ottica di qualificare Roma come capitale della cultura e non solo della storia», ha commentato il nuovo sindaco di Roma, Gianni Alemanno, nel corso della presentazione del Festival al Campidoglio.
Il Festival «Letterature 2008» è l’evento letterario internazionale che ogni anno celebra la centralità del testo e della parola, soffermandosi su un tema specifico. Quest’anno il tema scelto è «Parola, silenzio», una sfida per spiegare il rapporto tra il ruolo e il valore della parola e quella del silenzio nella nostra vita, nel nostro tempo e nella letteratura. Una manifestazione che per Alemanno è «un’eredità positiva che ereditiamo dalla precedente amministrazione». Quanto alle prossime edizioni il sindaco Alemanno ha sottolineato che sarà necessario fare «un ragionamento più articolato ed approfondito».
La novità del format 2008 è che gli autori stessi protagonisti delle serate suggeriranno il mezzo espressivo che introdurrà, accompagnerà o concluderà la lettura dei loro testi inediti, scegliendo fra linguaggi musicali, visivi o teatrali.
Ad aprire la kermesse martedì 20 maggio saliranno sul palco del Massenzio 13 scrittori che racconteranno la storia dell’Italia dal 1848 ad oggi. Si tratta di Giosuè Calaciura, Andrea Camilleri, Leonardo Colombati, Mario Desiati, Antonio Franchini, Giuseppe Genna, Helena Janeczek, Nicola Lagioia, Giancarlo Liviano D’Arcangelo, Laura Pariani, Sandra Petrignani, Laura Pugno e Antonio Scurati.
Tra i big stranieri, hanno accettato l’invito personaggi del calibro di Jeffrey Deaver, Katherine Dunn, Nick Hornby e il premio Nobel Vidiadhar S. Naipaul.
La manifestazione si chiuderà giovedì 19 giugno, con una serata dedicata alla poesia. Parteciperanno in collegamento video i due grandi poeti italiani contemporanei, Andrea Zanzotto e Alda Perini.