Così la Serie 1 si rinnova e raddoppia

Il modello ora anche con tre porte Quasi un coupé

Si rinnova, molto, e raddoppia. Infatti, da questi giorni, la Bmw Serie 1 porta al debutto importanti novità, che vanno ben oltre il leggero affinamento dei lineamenti generali: dalle versioni con carrozzeria a tre porte, che hanno una personalità quasi da coupé, a moltissime innovazioni tecnologiche sino alla valorizzare del rapporto costo/contenuti. Insomma, la crescita è globale e, ovviamente, non trascende dal concetto EfficientDynamics, descritto a lato.
Nello specifico, implica la presenza di motori di 2 litri a iniezione diretta di benzina, destinati alla 118i e alla 120i, che sviluppano rispettivamente potenze di 143 e 170 cv, e di turbodiesel di 2 litri (della 118d e 120d) con una cavalleria che cresce, rispettivamente, sino a 143 e a 177 cv. Declinate, sia nel caso delle 3 sia in quello delle 5 porte, in versioni Eletta, Attiva - che nel caso della 130i da 265 cv si trasforma in MSport - e Futura, sono offerte a prezzi che spaziano dai 24.100 euro della 116i con 115 cv ai 38.100 euro della variante top di gamma. Se esternamente la personalità della Serie 1 s’avvantaggia solo di un affinamento della fanaleria e dell’inconfondibile mascherina Bmw, nell’abitacolo l’aggiornamento risalta con decisione. Infatti, l’atmosfera interna è resa più ricercata da materiali di maggiore qualità rispetto al passato, da inediti abbinamenti cromatici, da inserti in alluminio o legno, dall’armonizzazione dell'arredamento e, infine, dalla razionalizzazione dei comandi. Anche nel caso della nuova versione a tre porte, l’accessibilità alla zona posteriore dell’abitacolo è agevole, grazie all’ampio varco generato dalla dimensione e dall’angolo d’apertura della portiera nonché all’«easy Entry», che avanza elettricamente i sedili anteriori quando li si ribalta in avanti. Per chiarire la portata delle innovazioni tecnologie presenti basta pensare che la 120i percorre mediamente 15,6 chilometri con un litro di benzina, contro i 13,5 della precedente versione da 150 cv. La perfetta sinergia fra tutti gli elementi che compongono l'EfficientDynamics risolve, quindi, l’equazione che si erano prefissati a Monaco: incrementare il piacere di guida avvantaggiando anche il portafoglio, attraverso una diminuzione dei consumi che porta con sé, come logica conseguenza, pure un abbattimento delle emissioni. La guidabilità e il temperamento non si piegano, quindi, a esigenze che, per tutti noi, sono molto importanti e una riprova se ne ha su strada. Infatti, il nuovo 4 cilindri sfodera risposte pronte già a 2mila giri e spinte consistenti a partire da 4mila, grazie anche alla perfetta sintonia con i rapporti del nuovo cambio a 6 marce.