Così il soggiorno non ha più confini

Alla fiera le nuove tendenze: simili gli arredi dentro e fuori

Grande ritorno al Salone del Mobile per Unopiù. Che mette in mostra al padiglione 6 del polo fieristico di Rho le novità dell'outdoor. A legarle, come filo conduttore la scelta di puntare non su un singolo materiale, ma sull'abbinamento di due o più. Attorno al teak ruotano acciaio, fibre e corde, declinati in poltrone, lettini, sdraio e divani di design. «I nostri architetti e designer hanno individuato nel concetto di materiale misto la tendenza della nuova collezione» dice Maurizio Mozza, amministratore delegato dell'azienda che, fondata nel 78, in poco più di trent'anni si è trasformata da impresa artigiana a realtà affermata per l'arredamento da esterni.

Il teak è intrecciato all'acciaio nella collezione new entry Tweed. Progettata dai giovani designer Meneghello e Paolelli, si declina in divano e poltrona. La struttura dei due pezzi è ottenuta con una trama di tubi sottili di acciaio e teak. La linea è armoniosa. L'effetto ricorda un cesto avvolgente e l'uso, pensato per l'esterno, funziona anche dentro casa. «Il confine tra dentro e fuori è sempre più lieve, si crea dialogo tra la casa e il terrazzo, balcone o giardino che sia, e questo si riflette nell'arredo», spiega Motta.

Con il lettino Sunstripe, altra novità, il teck si affianca alla fibra, una fibra waprolace, sintesi di water proof lace. Si tratta di un materiale tecnico, ultraresistente e leggerissimo. A prova di pioggia, salsedine, caldo, umido, non risente di ogni scherzo del meteo.

E poi c'è la sdraio Cosette. Che è da vedere e da provare. Perché, oltre alla linea snella, assicura una comodità senza pari, esito di studi ergonomici e collaudi degli autori del progetto, i designer Andreucci & Hoisl. Disponibile in due versioni, con o senza braccioli e tettuccio, è pieghevole e concilia il relax a bordo piscina come in riva al mare, ma anche sul balcone di casa.

Tweed, Sunstripe, Cosette e tutte le novità si trovano in Fiera e si ritrovano in Brera, dove sono esposte accanto alle serie evergreen nel flagshipstore Unopiù di via Pontaccio 9. Un salto, un giro, un'occhiata per vedere sedute, tavoli, sofà, chaise longue e pergole. Per pensare a come arredare il giardino, la terrazza, il balcone. Magari la piscina e la veranda. Le idee non mancano, la scelta nemmeno. Sembrano non finire da tanti sono i prodotti. E sono tutti pensati per arredare gli spazi aperti come fossero parte integrante della casa. Perché «sono proprio gli esterni, gli spazi aperti e senza pareti, che devono accogliere al meglio le persone, conciliando con gusto e praticità i momenti in cui si godono il relax nella bella stagione». Info: www.unopiu.it

CGSap