Così tanto irregolare da meritarsi un «Antimeridiano»

Luciano Bianciardi (1922-71) è stato un grandissimo scrittore, purtroppo a lungo dimenticato. Per questo la figlia Luciana Bianciardi ha fondato nel 1999 la casa editrice ExCogita che come programma (oltre a cercare di dare voce a coloro che non trovano spazio nelle grandi case editrici - i librifici - dove vengono pubblicati i “soliti noti”) ha la ripubblicazione delle opere del padre. Finora sono usciti: il volume di scritti giornalistici L’alibi del progresso (2000), Aprire il fuoco (2001), Un volo e una canzone e Natale coi fichi (2002), I minatori della Maremma (2004). ExCogita in collaborazione con Isbn edizioni un anno fa ha pubblicato il primo volume dell’Antimeridiano che raccoglierà tutti gli scritti di Bianciardi (il secondo volume uscirà in primavera). Da ricordare infine il bellissimo libro di Pino Corrias Vita agra di un anarchico. Luciano Bianciardi a Milano uscito da Baldini e Castoldi nel ’93.