Cosa fare in caso di decesso – Parte 3

1) Ipotesi vecchio Tfr. Secondo l’articolo 2122 del Codice Civile, in caso di morte del lavoratore, il Tfr accantonato è corrisposto al coniuge, ai figli e, se vivevano a carico del prestatore di lavoro, ai parenti entro il terzo grado e agli affini entro il secondo grado. In mancanza delle persone indicate sopra, le indennità sono attribuite secondo le norme della successione legittima.
2) Ipotesi fondo pensione prima del pensionamento. In caso di decesso dell’aderente prima del pensionamento, il capitale accumulato può essere corrisposto, oltre che agli eredi, ad altri beneficiari designati dallo stesso, siano essi persone fisiche o giuridiche. In mancanza di tali soggetti, la posizione individuale resta acquisita al Fondo o devoluta a finalità sociali.
3) Ipotesi fondo pensione dopo il pensionamento. Ben diversa è la disciplina applicata al decesso dell’aderente durante la fase di erogazione della pensione complementare. L’iscritto al momento del pensionamento potrà scegliere tra diverse tipologie di rendita che garantiranno prestazioni complementari tanto più ridotte, tanto maggiore sarà il grado di tutela offerto ai familiari.
Infatti, solamente con la scelta di una rendita vitalizia reversibile (descritta in tabella) l’aderente è in grado di garantire, nell’eventualità di un suo decesso, la corresponsione della pensione complementare al beneficiario da lui designato. In caso contrario, il montante non ancora erogato sottoforma di rendita, rimarrà alla Compagnia di assicurazioni convenzionata con il fondo pensione per l’erogazione delle rendite.
Un’ulteriore tutela è stata introdotta dal decreto legislativo, n. 252/2005, consentendo ai Regolamenti e Statuti delle forme previdenziali integrative di prevedere, in caso di morte del titolare della prestazione pensionistica, la restituzione ai beneficiari dallo stesso indicati del montante residuo, cioè quello non ancora erogato come rendita all’aderente prima del decesso.
Importante. Sul sito www.ilgiornale.it sono disponibili alcuni esempi che mostrano quanto incide il costo sulla prestazione di rendita man mano che aumenta il grado di sicurezza verso gli eredi.
(3. Continua. La quarta puntata sarà pubblicata lunedì 29 gennaio)