Cosa prevedeva il Lodo

Sospensione dei processi nei confronti delle alte cariche dello Stato: il presidente della Repubblica, il presidente del Senato, il presidente della Camera, il presidente del Consiglio dei ministri. È quanto prevedeva il Lodo Alfano approvato dal Parlamento nel luglio del 2008 ma che oggi la Corte costituzionale ha dichiarato illegittimo per violazione dell’articolo 138 della Costituzione. La sospensione, come si legge nel testo composto da un solo articolo ed otto commi, opera dalla data di assunzione della carica o della funzione e si applica anche ai processi penali per fatti antecedenti l’assunzione della carica. Il Lodo Alfano rappresenta il punto di arrivo di un percorso iniziato con il Lodo Maccanico, poi sostituito dal Lodo Schifani nel 2003. Dopo 6 mesi dall’approvazione da parte del Parlamento, la legge è stata dichiarata incostituzionale dalla Corte costituzionale.